This page created with Cool Page.  Click to get your own FREE copy of Cool Page!
Late Roman 5/6 - Late Bag  Shaped Amphoras

La definizione "Late Bag  Shaped Amphoras" accomuna un gruppo di
contenitori prodotti e circolanti soprattutto nel Mediterraneo orientale a
partire dalla tarda età ellenistica, fino al X secolo.
La definizione, assai riduttiva e basata unicamente sulla caratteristica
formale più evidente, non tiene conto dell'estrema varietà di attestazioni,
dal punto di vista tipologico, morfologico e decorativo, varietà che
presuppone l'esistenza di numerosissimi centri di produzione, molti dei
quali di rilevanza unicamente regionale, come quelli individuati a Khirbet
al-Karak, Capharnaum, Cesarea Marittima, Ramat Rahel, Tell Fara, e
Gerusalemme.
Tutte le varianti attestate in epoca tarda derivano da altrettante produzioni
di contenitori da trasporto, diffuse in epoca romana e pre romana; in
particolar modo i prototipi più diretti delle Late Bag  Shaped Amphoras
sembrano comparire in epoca ellenistica, a partire dalla quale la forma del
contenitore rimane praticamente invariata, fino all'epoca omeyyade e
successivamente.
La loro esportazione in occidente inizia probabilmente gia in epoca imperiale,
ma in maniera estremamente sporadica; la massima diffusione si ha solo a
partire dal V secolo e fino al VII; in questo arco di tempo sono state
distinte almeno 5 diverse varianti della forma base, sostanzialmente sulla
base del profilo del corpo e delle dimensioni, tutte caratterizzate dal collo
verticale con orlo indistinto, le anse ad anello o ad orecchio impostate
sulla spalla, fondo bombato e corpo ricoperto da fitte scanalature
orizzontali (H max. cm. 14; Ø del fondo cm. 11).
La capacità dei contenitori, indipendentemente dalla tipologia, si mantiene
costantemente intorno ai 21 - 23 litri; raramente scende tra i 18 e 20 litri.
Anche l'argilla utilizzata si presenta assai uniforme, di consistenza sabbiosa,
contenente grani di calcite e quarzo utilizzati come degrassanti; il colore
varia dall'arancio al beige chiaro
L'area in cui vengono esportate include i paesi balcanici (Albania, Bulgaria
e Romania), la Crimea, la Grecia peninsulare e continentale, le isole
dell'Egeo, Cipro e i principali centri della Turchia. Le attestazioni più
numerose sono, tuttavia, in Palestina e, in misura minore, in Egitto. In
occidente le attestazioni più numerose sono quelle di Roma, Napoli,
Milano e Ravenna, per quanto riguarda l'Italia, le città costiere della
Provenza, della catalogna e Cartagine.
Circa il contenuto delle anfore tipo Bag  Shaped, si è ipotizzato potesse
trattarsi di olio, vino, grano e frutta secca, ma senza alcun elemento storico
o archeologico a sostegno; sulla base delle fonti antiche si ritiene che le
regioni da cui i contenitori erano esportati producessero anche conserve
e salse di pesce. Un altro elemento di incertezza riguarda la possibilità che
gli stessi contenitori potessero essere impiegati sia per il trasporto e il
commercio dei prodotti, che per il loro stoccaggio, come risulterebbe da
numerosi rinvenimenti archeologici.

Bibliografia

S. Loffreda, La ceramica di Macheronte e dell'Herodium (90 a.C. - 135 d.C.);
Studium Biblicum Francescanum, Collectio Maior, 39, Jerusalem 1996,
pp. 25 - 54

H.S. Robinson, The Atenian Agora, vol. V, pottery of the roman period,
Princeton, new Jersey, 1959, pl. 32, M329-330.

J.A. Riley, The pottery from the first session of the excavations in the
Caesarea hippodrome, in Bulletin of the American School of Oriental
Research, 218, 1975, pp. 26-27, 30-31.

S. J. Keay, Late Roman amphorae in the western Mediterranean, a
tipology and economic study: the catalan evidence, in: British Archaeological Reports International Series, 196, 1984, type LXVI.

B. Jonson, Syro Palestinian bag shapped amphorae in the Atenian Agora and Corinth collections, in Recherches sur les amphores greques, Bulletin de Corrispondence Hellenique, suppl XIII, Parigi 1986, pp. 598-597.

J.Y. Empereur, M. Picon, Les régions de production d'amphores impériales en Mediterranèe orientale, in: Amphores Romaines et histoire èconomique: dix ans de recherches, Atti del colloquio internazionale (Siena 22 - 24 Maggio) (Collection de l'Ecole Française de Rome, 114), Roma, 1989, fig. 26; pp. 357-358, fig. 166, n. 14.

C. Panella, Merci e scambi nel Mediterraneo tardoantico, in: Storia di Roma, 3, l' età tardo antica, II, i luoghi e le culture, a cura di A. Carandini, L. Cracco Ruggini, A. Giardina, Torino, 1993, pag. 664, nota 219.

L. Villa, Le anfore tra tardo antico e medioevo, in: Ad Mensam, manufatti d' uso da contesti archeologici fra tarda antichità e alto medioevo, a cura di Silvia Lusuardi Siena, Udine, 1994, pp. 406-407, fig. 9, nn. 8-9.

fondi d'anfora di forma emisferica, attribuiti però al tipo Late Roman 4-anfora di Gaza sono in C. Moccheggiani Carpano, R. Meneghini, Lungotevere Testaccio, resti del porto fluviale, Bollettino Comunale, XC, 1985, pp. 588-590, fig. 312, nn. 40-41

A. Di Vita (a cura di), Gortina I, Monografie della Scuola Archeologica di Atene e delle Missioni Italiane in Oriente, III, Roma 1988, pp. 269-270 e 272, fig. 223

Y. Rapuano, The ellenistic through early islamic pottery from Ras-Abu Ma'Aruf, ATIQOT, XXXVII, 1999, fig. 7.

Z. Yeivin, Excavations at Carmiel (Khirbet Bata), ATIQOT, XXI, 1992, fig. 23, n. 1.

Palatia. Palazzi imperiali tra Ravenna e Bisanzio, a cura di A. Augenti, Ravenna, Biblioteca Classense, 14 ottobre 2002 - 4 gennaio 2003, Ferrara 2003, pag. 43

S. Gelichi, Venezia tra archeologia e storia: la costruzione di un'identità urbana, in: Le città italiane tra la tarda antichità e l'alto medioevo, Atti del convegno (Ravenna 26 - 20 febbraio 2004), a cura di A. Augenti, Firenze 2006, pp. 151 - 183, fig. 23, n. 2

A. Augenti, Ravenna e Classe: archeologia di due città tra la tarda antichità e l'alto medioevo, in: Le città italiane tra la tarda antichità e l'alto medioevo, Atti del convegno (Ravenna 26 - 20 febbraio 2004), a cura di A. Augenti, Firenze 2006, pp. 185 - 217, fig. 24, nn. 2 - 3

D. Pieri, Le commerce du vin oriental à l'époque byzantine (V - VII siècles). Le témoignage des amphores en Gaule, Beyrouth 2005, pp. 114 - 127





Late Bag  Shaped Amphora tipo 3
Late Bag  Shaped Amphora tipo 2 A
Bag  Shaped Amphoras; tavola esemplificativa delle varianti di epoca tardo antica - da Pietri 2005, fig. 76