This page created with Cool Page.  Click to get your own FREE copy of Cool Page!
Late Roman 3 - Athenian Agora, pl. 34, M
373, pl. 41, M 373


Argilla di colore bruno, molto micacea, depurata,
compatta e grossolana in frattura; giara di piccole
dimensioni, fusiforme, con corpo cilindrico o fusiforme
e piede tubolare per lo più cavo o a puntale; collo
cilindrico o troncoconico e orlo in genere verticale e
privo di modanature; può presentarsi con una o due
piccole anse a nastro applicate sotto l'orlo e alla base
del collo; nella versione monosnsata è presente nei
mercati occidentali dalla fine del I secolo alla fine del
IV; con la forma abituale, bi ansata, compare nei
contesti tarragonensi dal V secolo (H media 54-60 cm;
D max 20 cm circa).
Le analisi petrografiche sulle inclusioni dell'argilla
indicano l'Asia Minore e le isole dell'Egeo, quali centri
di produzione; attualmente si accetta l'ipotesi di una
provenienza dalla Turchia occidentale (valle del
Menandro) la provenienza dall'area greca o egea sembra dimostrata anche dalla presenza di lettere greche graffite su alcuni esemplari e dalla sua area di maggiore diffusione, coincidente con la parte orientale del Mediterraneo (IV-VI secolo d.C.).
Analisi compiute su materiali della Schola Praeconum, a Roma, permettono di ipotizzare che le merci trasportate consistessero in vino o unguenti. Nei contesti di Tarragona il momento di maggiore diffusione sembra corrispondere alla seconda metà del V secolo, mentre nel corso del successivo l'afflusso sembra diminuire fino ad esaurirsi; altrove, come a Cartagine, la presenza di LR 3 non si esaurisce dopo la metà del VI secolo; anche a Roma e a Marsiglia il periodo di maggiore afflusso coincide con il V secolo e si esaurisce all'inizio del VI.
Una versione tarda del contenitore, prodotta ancora alla fine del VI e nel VII secolo, non è documentata in nessun contesto occidentale (Hayes 1992, pag. 63).

Bibliografia

Ostia III, Le Terme del Nuotatore. Scavo degli ambienti III, VI, VII, Studi Miscellanei 21, Roma 1973, pp. 460-462;

Ostia IV, Le Terme del Nuotatore. Scavo dell'ambiente XVI e dell'area XXV, Studi Miscellanei 23, Roma 1977, pag. 233;

J.A. Riley, "Coarse Pottery", en J.A. Lloyd (ed), Excavations at Sidi Krebish-Benghazi (Berenice), Lybia Antiqua, suppl. 5.2, 1979, pp. 229-230, figg. 48, 83, nn. 229-234;

J.A. Riley, The pottery from the cisterns 1977.1, 1877.2 and 1977.3, in Excavations at Carthage conducted by the University of Michigan, vol. VII, edited by J.A. Humphrey, Ann Arbor 1981, pp. 118-119, figg. 10 e 12;

Whitehouse et all., The schola Praeconum, I: the coins, pottery, lamps and fauna, Papers of the British School at Rome, 53, 1982, pp. 69 -77;

S.J. Keay, Late Roman amphorae in the western mediterranean. A tipology and economic study: the catalan evidence, British Archaeological Reports, International Series, 196, Oxford 1984, pp. 286-289, type LIV-bis, fig. 124, in part. fig. 124, n. 7;

V. Di Giovanni, Le anfore, in AA.VV. Nuovi contributi allo studio della villa romana. Namiglio di Gioiosa Ionica, Klearkos, 117-120, 1988, pp. 99-124;

C. Gasperetti, Considerazioni sulla ceramica romana di Vibo Valentia, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, XIX, 2, 1989, pp. 845-861;

P. Arthur, Some observations on the economy of Brutium under the late roman empyre, Journal of Roman Archaeology, 2, 1989, pp. 133-142;

A. Racheli, Le ceramiche da mensa e da cucina africane e microasiatiche. Le anfore. Le lucerne, in: Da Sckylletion a Scolacium. Il parco archeologico della roccelletta, a cura di R. Spadea, Genova 1989, pp. 25-54.;

A. RAacheli Osservazioni su alcune classi di materiali rinvenuti in territorio calabrese, in Mélanges de l'Ecole Française de Rome, Moyen Age, 103, 2, 1991, pp. 709-729;

M. Rubinich, Osservazioni sul materiale ceramico di Bova Marina, in Mélanges de l'Ecole Française de Rome, Moyen Age, 103, 2, 1991, pp. 631-641;

F. Barello - M. Cardoso, Casignana Palazzi, in Méllanges de l'Ecole Française de Rome, Moyen -ge, 103, 2, 1991, pp. 669-687;

P. Reynolds, Trade in the Western Mediterranean, AD 400-700: the ceramic evidence, British Archaeological Reports, International Series, 604, Oxford 1995; pp. 71-82 (passim), fig. 87;

anche R.Giuliani - F. Tommasi, Recenti indagini nella caatacomba della ex Vigna Chiaraviglio sulla via Appia Antica. Relazione delle campagne di scavo nella regione E (1994-1996), Rivista di Archeologia Cristiana, LXXV, 1999, pp. 95-231, nn. Inv. A 59-A 92, pp. 185-186, fig. 53;

M.G. Fulfod, Byzantium and Britain: a Mediterranean perspective on post-roman Mediterranen imports in western Britain and Ireland, MedArch, 33, 1-6, 1989;

M. Lang, Dated jars from early imperial times, Hesperia, 24, 277-85, 1955;

S. Martin-Kilcher, Dier romischen amphoren aus August Kaiseraugust. Ein beitrag zur romischen handles- und kulturgeschichte, 2, Amphoren fur wein, fischsauce, sudfruchte (Gruppen 2-24), Gesamtauswertung, Forschungen in August, 7, Romermuseum, August 1994;

A.J. Parker, Ancient shipwercks of the Mediterranean and the roman provinces, British Archaeological Reports, International Series, 580, Tempus Reparatum, Oxford 1992;

M.C. Rothschild-Boros, The determination of amphora contents, in: Archaeology and italian society: preistoric, roman and medieval studies, G. Barker and R. Hodges, ed. British Archaeological Reports, International Series, 102, 79-89, 1981;

C. Thomas, A provisional list of imported pottery in post-roman Britain and Ireland, Special Report, 7, Institute of Cornish Studies, Redruth, 1981;

R. Tomber, D.F. Williams, Late roman amphoras in Britain, JRPS, 1, 42-54, 1986;

Milano capitale dell'impero romano (286-402), Milano, Palazzo Reale 24 gennaio-22 aprila 1990, Milano 1990, pag. 379, n. 5d.4a;

M. Lang, dated jars of early imperial times, in "Hesperia", 24, 1955, pp. 279-285;

Lemaître, S., `L'amphore de type Agora F65/F66 dite "monoansée". Essai de synthèse à partir d'exemplaires lyonnais' in Actes du Congrès du Mans. 8-11 mai 1997. Société Française d'Étude de la Céramique Antique en Gaule, ed. L. Rivet, SFECAG, Marseille, (1997), pp. 311-320;

Pieri, D., `les importations d'amphores oreintales en Gaule méridionale durant l'Antiquité tardive et le Haut Moyen Age (IVe-VIIe siècles après J.-C.). Typologie, chronologie et contenu' in Actes du Congrès d'Istres. 21-24 mai 1998. Société Française d'Étude de la Céramique Antique, ed. L. Rivet, SFECAG, Marseille, (1998), pp. 97-106;

L. Saguì, Roma, i centri privilegiati e la lunga durata della tarda antichità.  Dati archeologici dal deposito di VII secolo nell'esedra della Crypta Balbi, Archeologia medievale, XXIX, 2002, pag. 15, fig. 6, n. 2;

A roman villa and a late roman infant cemetery. Excavation at Poggio Granignano, Lugnano in Teverina, edited by D. and N. Soren, Roma 1999 (L'Erma di Bretschneider), One handled jar - Late Roman 3, pp. 357-358;

J.A. Remolà Vallverdù, Las anforas tardo-antiguas en Tarraco (Hispania Tarraconensis), Barcellona 2000, pp. 712, figg. 72-73-74;

J.W. Hayes, Excavations at Sarçane in Istambul. The Pottery, vol 2, Princeton 1992.

Scombraria. La historia oculta bajo el mar. Arqueologìa submarina en Escombreras, Cartagena (17 marzo - 4 junio 2004, Museo Arqueologico de Murcia), Cartagena 2004, anfora Late Roman 3, pag. 223, n. 176

Palatia. Palazzi imperiali tra Ravenna e Bisanzio, a cura di A. Augenti, Ravenna, Biblioteca Classense, 14 ottobre 2002 - 4 gennaio 2003, Ferrara 2003, pag. 577

R. Auriemma, La ceramica della fase del battistero paleocristiano, in N. Parmegiani, A. Pronti et alii, S. Cecilia in Trastevere. Nuovi scavi e ricerche, Monumenti di Antichità Cristiana XVI, Città del Vaticano 2004, pp. 206 - 207

D. Pieri, Le commerce du vin oriental à l'époque byzantine (V - VII siècles). Le témoignage des amphores en Gaule, Beyrouth 2005, pp. 94 - 101