This page created with Cool Page.  Click to get your own FREE copy of Cool Page!
Oberaden 74 - Dressel 28

Questa forma rientra in un'ampia famiglia di piccoli
contenitori per il commercio del vino a fondo piano, che
comprende anche la Dressel 28, con precedenti in epoca
repubblicana, prodotti in un'ampia regione comprendente
la Spagna e la Gallia fin dall'età augustea.
La Oberaden 74 rappresenta una produzione particolare
della provincia Tarraconense insieme con altri contenitori
simili che a volte imitano la Dressel 30 di provenienza
africana. Tra tutti questi la Oberaden 74 è la forma
maggiormente diffusa e per la quale è stato possibile
identificare un certo numero di centri di produzione;
particolare confermato anche dai diversi bolli presenti.
Ampia è anche la diffusione geografica del contenitore,
anche se limitata all'epoca giulio claudia.
Il numero di centri di produzione non impedisce, tuttavia,
alla forma di mantenere i propri caratteri inalterati, come
l'altezza limitata a 60 - 65 cm, il profilo ovoide e il fondo
con piede ad anello; il collo è corto di forma troncoconica,
l'orlo ingrossato, tagliato orizzontalmente e profilato
esternamente secondo molteplici varianti (almeno sei
identificate) che tuttavia non hanno valenza cronologica;
le anse hanno sezione ellittica, andamento semicircolare e
presentano solitamente due scanalature lungo la faccia
esterna.
Il periodo di produzione relativamente breve ne ha
impedito una larga diffusione, che rimane limitata all'area di produzione e ai maggiori centri della costa tirrenica come Marsiglia e Roma. L'argilla è sempre di colore chiaro, rosato, ben depurata con ingabbiatura leggermente più scura.
Diversi contesti di rinvenimento, in Europa centrale, contribuiscono
a precisarne la datazione; si tratta dei siti di Nijmegen (con almeno
tre varianti formali), Oberaden, Hofheim, Camulodunum,
Vindonissa (Germania) e Albintimilium; in tutti i casi la presenza
non sembra oltrepassare l'età giulio claudia, anche se sono state
proposte datazioni posteriori , certamente dovute alla residualità.
A Roma e Ostia il contenitore è presente con pochi frammenti fino
all'età neroniana per poi sparire del tutto in età flavia.

Bibliografia

S. Loeschcke, Die Römische und belgische keramikaus Oberaden,
in: Ch. Alberecht, Das Römerlager in Oberaden, II, Dortmund
1942, pag. 76 ss.

N. Lamboglia, Gli scavi di Albintimilium e la cronologia della
ceramica romana, Bordighera 1950, figg. 58, 66

C. Simonett, E. Ettlinger, Die Römerzetiliche keramik aus dem Schitthugel von Vindonissa, Basel 1952

N. Lamboglia, Sulla cronologia delle anfore romane di età repubblicana (II - I secolo), Rivista di Studi Liguri, XXI, 1955, pag. 265

P. Stuart, Gewoon aardwerk vit de Romainse Lagerplaats en de bijbehorendegrafveldente Nijmegen, in: Oudhedkundige Mededlingen, suppl. LXXIII, 1962, tav 11, n. 169; tav. 12, nn. 175, 176, 177

F. Zevi, Appunti sulle anfore romane. La tavola tipologica del Dressel, Archeologia Classica, XVIII - 2, 1966, pag. 225

Ostia II, le Terme del Nuotatore. Scavo dell'ambiente I, Studi Miscellanei 16, Roma 1970

A. Beltran, Las anforas Romanas in España, Zaragoza 1970, pag. 497

A Tchernia, L'atelier d'amphores de Tevissa  et la marque "Sex.Domiti", en "Melanges offerts à JaquesHeurgon", Roma 1976, pag. 976

R. Pasqual, Las anforas de la Layetanìa, Méthodes, 1977, Pag. 65, fig. 17.6

A. Tchernia, J.P. Villa, Note sur le materiél requillì dans la fouille d'un atelier d'amphores à Valeaux (Bouches-du-Ronê), Methodes 1977, pag. 234, fig. 10

D. Colls, R. Lequement, B. Liou, F. Mayet, L'épave Port-Vendres II et le commerce de la Bélgique e l'époque de Claude, " Archeonautica " 1, 1977

J.M. Nolla, J. Padrò, E. Sammartì, Exploraciò preliminar del forn d'amfores de Tevissa (Ribera d'Ebre), Cypsela, III, 1980, pp. 204 - 204, figg. 8 - 11

F. Laubenheimer, La production des amphores en Gaule Narbonnaise sous le haut empire, Paris 1985, pag. 306

V. Revilla Calvo, Produciòn ceramica y economìa rural e nel bajo Ebro in época romana. El alfar de l'Aumedina, Tivissa (Tarragona), Universitat de Barcelona 1993, pp. 71 - 79

G. Rizzo, Instrumenta Urbis I. Ceramiche fini da mensa, lucerne ed anfore a Roma nei primi due secoli dell'impero, Collection de l'Ecole Française de Rome, 307, Roma 2003, pag. 152

Carlos Fabião, Las ánforas de Lusitania, Cerámicas hispanoromanas. Un estado de la cuestión. D. Bernal y A. Ribera Lacomba (eds. científicos). Actas del XXVI Congreso Internacional de la Asociación Rei Cretariae Romanae Fautores, 2008; pp. 725-745, pag. 737, fig. 11

P. Gebellì Borràs, La dinàmica comercial en època augustal: Estudi de les àmfores dels nivells augustals de les intervencions al teatre romà de Tàrraco, PYRENAE, 39, vol. 2, 2008 pp. 47-69




Contenitore Oberaden 74 di provenienza spagnola; in basso esemplare dagli scavi di Ostia Antica