This page created with Cool Page.  Click to get your own FREE copy of Cool Page!
Late Roman 9 - Athenian Agora M 334 - Arthur 1998,
fig. 2, n. 2


Tra i contenitori meno comuni, circolanti in area siro palestinese, il tipo
late Roman 9 - Agora M 334 probabilmente il solo ad aver
limitatamente circolato in Italia tra V e VI secolo, ed altrettanto raro in
altri centri del Mediterraneo occidentale come Marsiglia e Cartagine.
Si tratta di un piccolo contenitore dalla forma "a carota", con breve collo
cilindrico terminante con labbro arrotondato e anse a nastro
dall'andamento a manico d'ombrello, leggermente rimontanti sull'orlo.
L'argilla impiegata richiama altri contenitori di area siro palestinese come
le cosiddette "Bag Shaped Amphorae" (Late Roman 5 - 6) e nei
contenitori prodotti nell'area della citt di Cesarea Marittima, come le
pi antiche "carrot amphorae" alle quali si avvicina anche per la forma del
corpo; argilla di colore arancio, fine e ben depurata; come molti altri
contenitori prodotti in quell'area si caratterizza per la forte presenza di
inclusioni di vario tipo nell'impasto, di forma irregolare, di grandi
dimensioni (fino a 2 mm), di natura calcarea, quarzosa e micacea.
La forma stata individuata per la prima volta negli anni '50 fra i materiali
dell'Agor di Atene con il numero M 334.Il corpo termina a volte con un
corto puntale o con un piede tronco, come appare in un tardo esemplare
dal relitto di Yassi Ada datato al 625 d.C.
Gran parte degli esemplari noti provengono dagli scavi della fornace per
vetri di Jalame, in Israele, il cui contesto databile dalla seconda met
del IV secolo alla fine del V, e da vari siti della zona del Sinai, in
particolar modo Qasrawet, la cui distruzione, forse per una tempesta di
sabbia, si data alla fine del IV secolo. Un esemplare completo proviene
dallanecropoli ebraica di Even Menahem, in Galilea, datata alla prima
met� del IV secolo sulla base della presenza di monete di Massimiano e
Costante, o leggermente pi tardi. L'area di produzione potrebbe essere
localizzata fra le citt di Cesarea Marittima e Akko.
Il contenitore attestato, oltre che in Italia, a Napoli Roma Classe Imola
Milano e in Sicilia, anche nel sud della Francia (Marsiglia e Arles), a
Cartagine, in Grecia (Atene e Argos), Cipro e nell'ovest della Turchia.
Nel contesto di Carminiello ai Mannesi (Napoli), fase VII, la presenza di
contenitori di questo tipo si data tra la fine del V e l'inizio del VI secolo.
Gli esemplari pi tardi, fra quelli rinvenuti, dovrebbe essere quello
proveniente dal relitto di Yassi Ada, presso Bodrum, datato intorno al
625 d.C., e dalla Cripta balbi, a Roma, in un contesto del tardo VII
secolo; ma questi ultimi possono essere presenze residuali.

Bibliografia

Ph. Arthur, Eastern Mediterranean amphorae between 500 and 700: a
view from Italy, in: Ceramica in Italia: VI - VII secolo, a cura di L. sagu�,
Firenze 1998, pp. 157 - 183

H. S. Robinson, The Athenian Agora, V, pottery of the roman period. Chronology, Princeton - New Jersey 1959, pag. 115

G.F. Bass -F.H. Van Doorninck, Yassi Ada, 1. A seventh century Byzantine shipwrwck, College Station, Texas 1982, pp. 185-186, n. P 80.

R.S.O. Tomin, The roman "carrot" amphora and its Egyptian provenance "JEA", 78, 1992

B.L. Johnson, The Pottery, in: G. Davidson Weinberg (eds), Excavations at Jalame Site of a Glass Factory in Late Roman Palestine, Columbia, Missouri, pp. 137-226.

M.L. Stoppini Piccoli, Le anfore, in G. Bermond Montanari (ed.), Ravenna e il porto di Classe. Venti anni di ricerche archeologiche tra Ravenna e Classe, Imola 1983, pp. 132 and 139, nos. 8.14-8.16

R. Curina, P. Farello, S. Gelichi, P Novara, M.L. Stoppioni, Contesti tardoantichi e altomedievali dal sito di Villa Clelia (Imola, Bologna), "AM", XVII, 1990, pp.121-234.

B. Bruno -  S. Bocchio, Anfore, in D. Caporusso (ed.), Scavi MM3. Ricerche di Archeologia Urbana a Milano durante la costruzione della linea 3 della metropolitana 1982-1990,3.1 I reperti, Milano 1992, pp.259-298, no. 76

M. Cavalier, Panarea e Salina. Rinvenimenti sporadici, in Archeologia Subacquea, 2, SUPP1. al BA, 29, 1985 pp.79-80, fig.73

G. Purpura, Rinvenimenti sottomarini nella Sicilia occidentale, in Archeologia Subacquea 3, Suppl. al "BA", 1987, 37-38, pp. 139-160, p.149, fig. 19a

M. Bonifay - F. Villedieu, Importations d'amphores orientales en Gaule (Ve-VIIe si�cle), in J. D�ROCHE, M. SPIESER (eds.), Recherches sur la c�ramique byzantine, "BCH", SUPPL. XVIII, 1989, pp.35-36, fig. 11, no. 14

L. Nerou, Late Roman pottery: a fifth century deposit from Carthage, "AntAfr", 16, 1980, pp.195-211, no. 44.

C. Diederichs, Salamine de Chypre, IX, C�ramiques Hell�nistiques, Romaines et Byzantines, Paris, 1980, p. 55, pl. 20, no. 210

D. Pietri, Le commerce du vin oriental � l'�poque byzantine (V - VII si�cles). Le t�moignage des amphores en Gaule, Beyrouth 2005, pp. 137 - 138

P. Reynolds, Linear typologies and ceramic evolution, in: FACTA, a Journal of roman material culture studies, n. 2, 2008, Pisa - Roma 2009, pp. 68 - 70